L’algoritmo, le playlist, fidati di me so io come fare
Spotify

L’algoritmo, le playlist, fidati di me so io come fare

SPOTIFY sostiene che non c’è alcun modo per poter influire sulle scelte dei curatori ufficiali della piattaforma nell’inserimento di determinate canzoni!!!

A parte i curatori ufficiali però, esiste tutta una giungla di promotori di playlist non direttamente collegate a Spotify e potrebbero risultare altrettanto potenti, ma attenzione … Occorre usare molta molta molta cautela, in quanto gran parte di questi promotori infrangono le regole imposte dalla piattaforma!!!

Per questo motivo concedere la gestione delle proprie canzoni a questi promotori potrebbe risultare davvero controproducente per non dire fatale!!!

Molti artisti che hanno commesso lo sbaglio di acquistare servizi che promettevano ingressi all’interno di playlist con migliaia di followers, salvo poi vedersi cancellare tantissime canzoni proprio all’inizio del 2021.

Ecco pertanto tre consigli semplici semplice per tenersi lontano da questo rischio:

  1. Evitate i servizi di playlist che utilizzano i bot: magari in prima battuta potrebbero sembrarvi economici, ma Spotify li individua in un nano-secondo. Il rischio è dunque quello di spendere soldi in flussi vuoti che potrebbero minacciare la vostra relazione a lungo termine con Spotify stessa.
  2. Se non siete sicuri al 2000 per cento, evitate servizi di inserimento playlist non legittimi: magari potreste pensare che tanto non avete nulla da perdere dal momento che in fondo non state ancora realizzando alcun guadagno sulla piattaforma. Il fatto è che se fossimo banditi dalla piattaforma a causa dell’utilizzo di servizi illegali, vedremmo preclusa la possibilità in futuro di un nostro potenziale successo virale. Non sarebbe un peccato ?
  3. Se una nostra canzone non sta decollando come pensiamo che dovrebbe, forse il motivo è che semplicemente non sta entrando in risonanza con il nostro pubblico. Spendere soldi per promuoverlo tramite la promozione di playlist potrebbe non essere la strategia migliore. Uno degli indicatori principali del fatto che qualcosa non va è quando Spotify vede un gran numero di stream che appaiono dal nulla durante la notte, e questo è ciò che promettono molti promotori di playlist.

Non dimentichiamoci mai che Spotify può scegliere di rimuovere tutta la nostra musica, non solo la canzone in questione.

Perciò la domanda nasce spontanea: ne vale davvero la pena?


Leggi anche:

Musica e streaming: il caso del Giappone e poi c’è l’Italia

Quanti brani vengono caricati ogni giorno su Spotify?