MA PERCHE’ NOI BOOMER NON USIAMO SPOTIFY???

Maggio 23, 2023

Spotify ha registrato un’enorme crescita nel corso degli anni, ma la maggior parte di ciò è stata dovuta alla fascia di età compresa tra 12 e 34 anni. All’età di 35 anni i suoi utenti diminuiscono rapidamente e il più rapido è il gruppo demografico Boomer over 55. Fino ad ora questo era poco preoccupante per l’azienda, ma poiché la crescita sta iniziando a stabilizzarsi per la piattaforma, si è capito che Boomers potrebbe effettivamente essere la sua chiave per la crescita futura .

Secondo la RIAA (Recording Industry Association of America) , l’anno scorso negli Stati Uniti c’erano 92 milioni di streamer, ovvero 8 milioni in più rispetto all’anno precedente. Ciò si è tradotto in oltre 9 miliardi di dollari di entrate per Spotify, il che in superficie sembra significare che tutto va bene. Il problema è che la crescita è stata solo circa la metà di quella dell’anno precedente, che è un numero spaventoso per gli analisti ossessionati da questo genere di cose.

Per la fascia di età superiore ai 55 anni (nota come Baby Boomers), Spotify è la piattaforma di streaming che utilizzano solo il 17% delle volte, motivo per cui quella fascia di età è la chiave della crescita a lungo termine della piattaforma. C’è molto spazio per migliorare anche se non tanto nel gruppo da 12 a 34.

Inoltre, la società non sta andando molto bene nella fascia di età compresa tra i 35 e i 54 anni, con solo il 26% che ottiene la propria musica da Spotify (il 22% da YouTube ), ma il problema con quella fascia demografica è che la maggior parte delle persone è tutta concentrata sulla carriera e sulla famiglia, il che non lascia molto tempo per ascoltare la musica.

Detto questo, Spotify si rivolge ad ascoltatori più o meno passivi che non sono concentrati su ogni fioritura sonora che proviene dall’artista, quindi si potrebbe pensare che questa fascia d’età lo utilizzerebbe almeno in sottofondo durante la giornata. Ma pare non essere così.

Anche con ciò, la linea di fondo è che 9 ascoltatori su 10 sotto i 55 anni ascoltano già audio online, mentre solo circa la metà della popolazione sopra i 55 anni fa lo stesso.

Ciò suggerisce che questa è l’unica grande area di crescita rimasta per Spotify, ma è anche un gruppo estremamente volubile.

In definitiva, mentre i Millennials e la Generazione Z sono sempre più coinvolti nell’ascolto di musica in streaming su servizi come Spotify, i Boomer sembrano essere i meno entusiasti della tendenza.

E credeteci, invertire questa tendenza sarà molto più difficile di quanto sembri.

Seguici su